sabato 30 aprile 2011

DIMENTICANDO D'ESSERCI SMARRITI

Ringrazio dio                                               di non esistere.
Chiudere la bottega,                                                   eppure rinviare.
A dopo, a più tardi                                      , all'ora della sveglia -

                             - al mattino. Lo ricordi, il mattino?

Esci                  e la luce l'hanno appena accesa.
Un istante prima stavi sciolto nel buio.
Ed ecco          ora                       getti un'ombra,
sembra quasi
che tu valga qualcosa.

Dove sei stato in questi due ultimi cazzo di giorni?

Ringrazia dio                        che non esisti
che dormi da sempre        per sempre.

Hai avuto paura?                  Io. Tremo da capo a piedi.
                                                     Io. D'altronde.
                                                     Tu? Dove?

Da sempre, la ricerca è cosa del tutto inutile.
È un gesto vuoto, sciolto nel tempo,
nella notte, come nel sogno morire,
come perdersi per strada
perché incapaci di comprendere
che cosa sia una strada,
che cosa sia perdersi.

Dimenticare d'essersi perduti.
    Dimenticare d'essersi perduti 
per sempre.

Ecco l'uomo. Ecco la donna. E tutti lo siamo.
Ei fu. Bella roba. Fummo tutti.
Al sole ti è permesso non accorgertene,
ma di notte al buio non si può negare che il tuo fuoco è spento.

Smarrirsi come un'idea piccola che riecheggia lontana -
come una piccola parola.
Smarrirsi come dimenticarsi.
E poi salvarci,
dimenticando d'esserci smarriti.
Fosforo o morte.
Fosforo e morte,
Fosforo ho morte.
Fosforo è morte,

la noia della morte, la luce del buio.
Un ritorno.
                                                                              Oh sì lo so è innegabile, sei svanito laggiù.
E addio e grazie!
Soprattutto addio.
Soprattutto grazie.

eppure ti vedo

Nessun commento:

Posta un commento