giovedì 26 maggio 2011

IO E LE BBESTIE - appunti di vita con animali domestici e non

QUESTIONI COLTE

Non di rado, la mia attenzione si concentra totalmente, e per lunghi periodi, su una sola questione. Generalmente una questione completamente priva d'importanza.
Sì, credo di essere un feticista dei fatti marginali. Li seguo fino alla paranoia. Amo così tanto i dettagli che spesso non mi accorgo che il totalone sta per cadermi in testa.
Tutto quanto ho scritto qui sopra, difatti, tra l'altro, è del tutto marginale e superfluo. No, scherzo. Stavolta ha un senso. Ma mi sono dimenticato quale. Ma sì, dai, era per introdurre questa roba:

Capitava, quel giorno, che io fossi particolarmente preso dalla questione dell'alfa privativo. Sì, lo so, è un momento che attraversiamo tutti, prima o poi, nella vita. Cercavo di pensare a tutte le possibili parole che potevano essere vittime di quest'alfa che ne capovolgeva in un attimo il significato, e così: amorale, afono, asociale, asessuale, atipico, anormale, ma vabbè non fatemici ripensare, comunque, insomma, quella volta c'ero proprio dentro fino al collo.... facevo avanti e indietro struggendomi sulla questione come un padre in attesa in sala parto, quando vedo sul davanzale due gatti, sto per uscire, d'istinto, a dividerli, perché generalmente quel davanzale è un ring, per questi passanti, una sorta di crocevia dove finiscono quasi sempre per fare a botte... ma li guardo meglio, li riconosco, sono due che vanno d'accordo, stanno bene insieme, sono buoni compagni. Sono amici. E' qui che l'alfa privativo rientra prepotentemente. Guardo i gatti e penso: sono a-mici. Ok. Ma se non sono mici, checcazzo sono?

PS: Ameno non significa più.

5 commenti:

  1. to-ta-lo-ne: attendo con ansia il contesto giusto per utilizzare questa parola! :)

    RispondiElimina
  2. @ brutacativa: Più che altro in genere sono simpaticamente FUORI sul (non come un) balcone a dividere animali e/o vicini che s'azzuffano. (A volte, l'ammetto, li fomento seminando gratuitamente zizzania)

    @ Sara Giorgia: Eh, sì, il Totalone s'ingrassa sulla nostra testa mentre noi invecchiamo sui dettagli. Bisogna starci molto attenti. (Fammi sapere quando ne farai uso, verrò a celebrarlo)

    RispondiElimina
  3. Se anche facevi a meno di coglierla questa questione...

    RispondiElimina