martedì 6 dicembre 2011

IL LIBRO (s)CONSIGLIATO

BOHUMIL HRABAL :
UNA SOLITUDINE TROPPO RUMOROSA 
(1977)

DUE PAROLE AGLI AMICI CHE SI ACCOSTANO
CON GIUSTE SPERANZE AD “UNA SOLITUDINE TROPPO RUMOROSA” DI BOHUMIL HRABAL.

E' la storia de 'n vecchio che per arrontondà, se ruba li libri che dovrebbe macerà. 'Sto vecchio stronzo, però, se l'infila 'n saccoccia e poi mica li vende. Se li tiene 'n casa, ce fa dei tramezzi, de' soppalchi, de' solai. Ce fa delle cose da pazzi. 'Nfatti, tutte 'stè tonnellate de libbri alla fine divenneno un trappolone che minaccia de crollarglie addosso e ammazzallo. Ma, sebbene l'idea del lettore sia proprio quella che sarebbe 'na ggiusta fine per 'sto stronzo, l'ipotesi viene frustrata già da subbito per corpa de quer l'artro stronzo, quello ch'ha scritto la introdduzzione.

QUALCHE NOTA SULL'INTRODUZIONE ALLA PRESENTE EDIZIONE.

Adesso ce sarebbe pure da dì 'na cosa su 'sta 'ntroduzzione. Che a 'sto 'mbecille je l'hanno fatta scrive solo perchè a Hrabal (che sarebbe l'autore de 'sta stronzata) l'ancontrato una vorta a Roma, e 'n' artra a Praga che quasi je sputa 'n faccia. In 'sto gioiello dè 'ntroduzzione, praticcamente, l'autore (de l'introduzzione) dice che a Roma c'aveva paura de encontrà a Hrabal perchè 'sto scrittore è 'n'avvinazzato e pensava: “mo me dice “a stronzo, a ebbreo de mmerda.”” 'Nvece er vecchiarello è pure simpatico, tant'è lo va a ritrovà pure a Ppraga, 'ndove quello sta mezzo morto dalla birra che s'è bbevuto e quasi quasi je sputa 'n faccia. Costui se accompagna ad una vecchia svizzera malaticcia, e se rivedono er giorno dopo. Ma sta ancora 'mbriaco e de lui nun gliene frega 'n cazzo. Fatto sta che stì due (er Hrabal e 'a svizzera) moreno tutt'e due lassando un grande vuoto negli ambienti più vari – soprattutto le osterie - e prenditi questo a metà 'ntroduzzione te ficco pure come va a finì er romanzo, così te lo rovino, o incauto lettore e te la piji 'n der culo. Stronzo. Così, ggià sapendo come andrà a finì dall'introduzione, il lettore si risparmia 'a fatica de fa er tifo per le tonnellate de libbri, de dì: aò, schiantateve sur vecchio zozzo (che neppure se lava) accoppatelo!

CHE LA GRAN MAGGIORANZA DEI TOPI NASCE MEZZA CIECA E LA GRAN MAGGIORANZA DEGLI SCRITTORI D'AVANGUARDIA NASCE MEZZA CECA.

'Sto vecchio 'mbriacone, che cammina come 'n cane (er protagonista der libbro) c'ha poi la fissazione de li topi. C'ha 'r magazzino 'nfestato da li topi, ma, soprattutto, non ie riesce de scordarse neppure per un istante che sotto ad esso, ne le fogne se combatte 'na guerra 'nfinita fra clan de surmolotti. Nun passa 'n capitolo senza che non ce 'a meni con stè stronzata de li surmolotti. Dal Devoto-Oli:
surmolotto s.m. Sorta di grosso topo (Rattus norvegicus), grosso e battagliero, diffuso in tutto il mondo, noto anche con il nome di ratto delle chiaviche. [dal franc. surmolot comp. di sur- e molot ' topo campagnolo ' ].
Quindi er surmolotto è un topo campagnolo. De chiavica. Norvegese. Per me è stata 'na scerta der traduttore che nun se la sentiva proprio de dovè scrive ogni dù pagine “zoccola de quà, zoccola de là, ce stà la guera de le zoccole.” Quanto è importante la lettura, la curtura, ce 'nsegna stò libbro. 'Nfatti, passeggiando amabilmente sottobraccio alla mia bella, lungo i viali solitari della riqualificata periferia, scorgendo un ratto infilarsi rattamente nella fogna sentirò gridare: “Anvedi, 'a zoccola!” et io, posatocalmoriflessivo, con l'occhio semichiuso ma non per questo meno penetrante, guarderò A costui e a mezza voce, così, senza neppure fermarmi, je dirò: “Al limite, nevvevo, mio cavo bifolco, tvattavasi d'un suvmolotto vieppiù.”

SULL'INDUSTRIA DEL RICICLAGGIO DELLA CARTA

Allora... so' annato a vedè: 'na tonnellata de carta te 'a pagheno dalle 35 alle 90 piotte (N.d.R: non siamo al corrente, dopo il passaggio dalla lira all'euro, se l'attuale quotazione della piotta sia equivalente ad un euro – equivalente a 1936,27 lire – ma continueremo ad usufruire di questo termine credendo di far cosa giusta, per lo meno, convenzionalmente. Grazie per l'attenzione.) Quindi diciamo che mediamente 'na tonnellata de carta me viene 62 piotte. Dato che 'sto libbro me viene a pesà (nemmanco, ma diciamo per pietà) 'n etto, il prezzo de 'sto libro ar mercato della carta da macero è de 6 millesimi de piotta. Ve rendete conto? Se nun me 'o regalavano, cor cazzo che me 'o compravo. Prezzo: 9 piotte. Dato che il romanzo 'n sé è de circa 70 paggine, me veniva a costà 12 centesimi de piotta a paggina, che ogni quattro fronteretro che giravo me bevevo 'n caffè. A ladri!

SULLA VISIONE DI FIGURE MITICHE E SULL'AMORE DEL PROTAGONISTA

Sempre tormentato dai topi (a regalateje 'n gatto, a stè stronzo), er vecchio 'mbriacone a 'n certo punto se vede spuntà un giovane e 'n vecchiarello. Er giovane sarebbe Gesù Cristo, pare, inequivocabilmente, ma 'r vecchio, chiamato Laozi, è ambiguo. Nun se capisce chiaramente, 'nfatti, se trattasi costui di Lao-tzè o dè Bruno Lauzi. Propenderemmo per la seconda ipotesi 'n quanto Lao-tz èè morto da troppo tempo. Er protagonista poi, per colmo dei colmi, ce racconta del suo amore giovanile ch'è 'na ragazzetta che sta sempre sporca dè mmerda.

GIUDIZIO FINALE: 5/5 (in asterischi: *****(su*****)), in pallini °°°°°(su °°°°°).
In palle, ovviamente, due su due.


Note a parte
- Bohumil è 'no yogurt
- Il mio romano è pessimo dacché non sono romano e ne so proprio poco di questo dialetto.
- Ne consegue che aver scritto questo pezzo in tale idioma, non ha nessun senso ed è dettato esclusivamente da questioni commerciali tutte da accertare.
- Compratelo: troppo caffè vi fa male.

Nessun commento:

Posta un commento