martedì 20 dicembre 2011

Sodiomia.


Sì... stava lì a contemplare le dure pietre dei comandamenti: “Non avrai altro dio all'infuori di me”. Lo fece riflettere a lungo. All'improvviso gli si aprì un mondo, capì il senso. Quello nascosto. Della frase: “Significa che dentro di te ci posso trovare un dio. Mi piace.”

Incenso. Incendio. Fiamma. Sale. Sale a manetta.

Appena fuori Sodoma in fiamme, lei... lei si gira... eh sì, non è uno spettacolo che si puù facilmente ignorare. Ti Devi Girare. E Zac! Euridice di sé stessa, non un'Euridice tradita da un dubbioso Orfeo (che tutto sommato cede alla tentazione di sincerarsi che dietro di sé non ci sia – minaccioso – qualcosa di Quel genere), nella fattispecie, questo Orfeo che l'accompagna dubbi non ne ha, continua a dar le spalle, non si volta (tutto sommato resistendo alla tentazione di sincerarsi che dietro di sé ci sia veramente – granitico – qualcosa di Quel genere), non ci pensa neppure, costui: Oscar Wilde, se ne va pel mondo a diffonder, sopravvissuto, la Lieta Novella: -Like it a Lot- pensa tra sé e sé.

E poi: perché statua di sale, perché non piazza di porfido? Perché non pozzo o tunnel nella roccia? Facile levare la spada dalla roccia, arduo infilarcela saldamente.
Ma quanto è difficile estrarre una galleria dalla montagna?

Oh Stauros non è croce non è staccionata è decisamente un palo, ecco, i geovini lo sanno, non c'è niente di male, per carità, è l'uso immaginato che non capiamo, lo spaventapasseri lo infili sul palo, non ce lo pianti contro ed anche il Sig.Le Monnier è molto contrariato ed a riguardo dice che lui alla voce Stauros potrebbe persino contemplare l'ipotesi, per quanto poco gli interessi la cosa, che uno spaventapasseri possa pure venire tranquillamente crocifisso.

Na! Queste cose non si fanno!
Cl! ?

No, non ha nessun risvolto terapeutico nella lotta alla ricerca di una cura contro l'epidemia di Horror Vacui che va minacciandoci.

La moglie di Lot e le Metamorfosi di Ovidio. Da approfondire.

Il prolasso delle gomorroidi.

Caprette che amano il sale.

Vedo nero, dice. Embé? Il nero è un bellissimo colore.

Salnitroglicerina. La glicerina per le perette. Si torna sempre lì.

Sono stufo dei miei vecchi amanti.
Le presento uno che a mio parere potrebbe far per lei.
Ovvero?
Ha presente l'albero di Natale?
Sa, non amo i germanici...
Ma questo viene da una particolare regione...
Men che meno i Tirolesi... capirà...

Tamponamento: m'è venuto nel culo e sono rimasto di merda. Cose che Ovidio deve sapere.

E' un must del telefilm poliziesco americano. Prima o poi capita sempre la puntata in cui i due detective arrivano alla casa del reo per arrestarlo. E' dove apprendiamo che per incastrare senza via di scampo il criminale, la regola d'oro è di piazzare il detective più grosso sulla porta sul retro.

- E' così... la nostra innocenza e quella dei nostri figli è continuamente insidiata da questo bombardamento mediatico.
- Lei dice? Io, vede, non ci avevo mai neppure fatto caso.
- Eppure, guardi... ovunque... lei non se ne rende conto così, ma... provi a guardare in tv
- In tv?
- Sì, prenda il secondo canale, ad esempio.
- Ma cosa?
- Cosa??? E' pieno di messaggi sublimianali!!!

Esiste altro dio all'infuori di me, non lo disse un dio, lo disse Abramo, nell'atto di gettare il figlio da quella rupe che non era nemmeno Tarpea e manco lo sarebbe diventata, così disse, ed era una preghiera, significava: c'è un altro dio fuori di me, ovvero aldifuori di quello che c'è in me, che mi è entrato dalle spalle e questo lo deduco dal fatto che sto per fare qualcosa di veramente mostruoso, ma ci sono obbligato, come dire, quel dio me lo sta mettendo in quel posto, comunque dicevamo, se c'è un altro dio all'infuori di quello dentro di me, che venga, e presto, e gli appioppi un bel calcio nel culo. A quello stronzo.

Nessun commento:

Posta un commento