giovedì 18 aprile 2013

O




















Di notte posso udire crescere i tuoi capelli,
      i rami protendersi, 
             affondare le radici.
                       Sento il tremore degli uccelli, 
                                  la corsa degli astri nel buio.

                       

                                           All'alba il Suo sorgere è fragore che tutto scuote ed abbatte, 
                                                                                                            è mattino, è l'ora dei bambini. 
                                                                                     Vedo la loro luce sfregiare le vecchie ombre. 
                                                                                Il tuo calore è luce. 
                                                                 Luce è il tuo respiro. 
                                         Al tramonto l'ultimo raggio, lama che mi ferisce. 
           Odora già il mio sangue del tuo sonno 
E tu di me.

4 commenti:

  1. odora gia il mio sonno del tuo sangue raggrumato su carta.
    Già ho lasciato sangue sul fondo del tuo sonno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Delle due cose, una. In due cose, una. Dalle due, tre.

      Elimina
  2. Cazzo, ma non ce l'hai il tasto allinea a sinistra sul tuo editor di testo?

    RispondiElimina