venerdì 11 dicembre 2015

SORTITA

un insistente mormorio sotteso
nel rispetto della nostra illusione s'arresta mite
accerchiando la nostra logica muraglia
la nostra veglia

è una scia lontana nel cielo una meteora
l'anima mia sbocciata dal corpo dormiente
è un fiore tra le stelle

inarrestabile incontenibile libera
le si pone un limite e non l'affronta
lo dimentica e va

venerdì 4 dicembre 2015

DUE POESIE PICCOLE


in assordante dissolvenza vanno
sfregiando rapidi d'inchiostro d'ombra
nidi in pizzo ricamato di fitti spogli rami

dissacrando      i cieli      le ore      i metri
il grido della migrazione ammutolì
l'onesto peana degli usignoli in lutto

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

in un vortice antiorario si trascina
l'angoscia impotente rombo di tuono
fuori sincrono     troppo tardi     oramai

la latenza dello sbaglio
fluttua spettrale
e morde e raggela senza rimedio